CINA

CINA

27/11/2023 – NUOVA POLITICA DI ESENZIONE DEL VISTO PER CITTADINI ITALIANI
Dal 01/12/2023 al 30/11/2024 non è più richiesto il visto di ingresso ai cittadini Italiani, Francesi, Tedeschi, Olandesi, Spagnoli e Malesi in possesso di passaporto ordinario, che si recano in Cina per motivi di affari, commerciali, turismo, visite a familiari o amici, o transito per un soggiorno non superiore a 15 giorni.
09/08/2023 ESENZIONE DEPOSITO IMPRONTE DIGITALI PER LA CINA
Si comunica che dal 09/08/2023 al 31/12/2024 il Consolato e l’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese di Milano e Roma hanno sospeso la raccolta delle impronte digitali per le seguenti categorie di visto per ingresso singolo o doppio.
  • visto di categoria M: affari/commercio – ingresso singolo o doppio;
  • visto di categoria L: turismo – ingresso singolo o doppio;
  • visto di categoria Q2: visita parenti – ingresso singolo o doppio;
  • visto di categoria G: transito – ingresso singolo o doppio;
  • visto di categoria C: membri di equipaggio – ingresso singolo o doppio.
  • Resta l’obbligo del deposito delle impronte digitali per tutte le altre categorie di visto:
  • visto di categoria M: affari/commercio – multiplo 6 – 12 mesi;
  • visto di categoria Z: lavoro;
  • visto di categoria X: studio;
  • visto di categoria C: membri di equipaggio – multiplo 6 – 12 mesi;
  • visto di categoria F: non commerciale.

 

VISTO AFFARI categoria “M”


  1. PASSAPORTO IN ORIGINALE
  2. DICHIARAZIONE DEI PAESI VISITATI DAL 1° GENNAIO 2016
  3. DICHIARAZIONE PER CHI E’ STATO IN SIRIA, TURCHIA, PAKISTAN, IRAQ, LIBIA
  4. 1 FOTO FORMATO TESSERA (In fase di compilazione del modulo online (vedi punto E) va fatto l’upload della foto in formato jpg. La stessa foto caricata sul modulo va trasmessa in originale su carta fotografica su sfondo bianco in formato 4.5 cm. x 3.5 cm)
  5. MODULO PRIVACY
  6. LETTERA DI RICHIESTA DELL’AZIENDA ITALIANA  Va indicato nome e cognome del richiedente, motivo della visita, data di partenza, durata del soggiorno, numero di ingressi, timbro, firma e carica del firmatario. Specificare che le spese di viaggio e soggiorno sono a carico della società Italiana e che il richiedente è un dipendente della società.
  7. CERTIFICATE OF INCORPORATION (visura camerale della ditta cinse).
  8. LETTERA DI INVITO DALLA CINA IN LINGUA INGLESE  (Su carta intestata dell’azienda Cinese invitante, redatta in lingua Inglese indirizzata al Consolato generale della Repubblica Popolare Cinese. La lettera dev’essere timbrata e firmata con nome, cognome, carica del firmatario, il timbro e firma della società devono essere perfettamente leggibili. Va espressamente indicato il tipo di visto, numero di ingressi (singolo o doppio) e periodo richiesto. La lettera di invito deve specificare: nome e cognome della persona invitata numero di passaporto data di nascita.
  9. CERTIFICATE OF INCORPORATION (visura camerale della ditta cinse).
  10. MODULO CONSOLARE IN ORIGINALE E FOTOCOPIA COMPILATO ON LINE

CONSOLATO DI MILANO  al seguente link: CLICCA QUI

CONSOLATO DI ROMA  al seguente link: CLICCA QUI

VISTO TURISMO categoria “L”


  1. PASSAPORTO IN ORIGINALE In corso di validità non inferiore a 6 mesi con almeno due pagine libere adiacenti  
  2. DICHIARAZIONE DEI PAESI VISITATI DAL 1° GENNAIO 2016
  3. DICHIARAZIONE PER CHI E’ STATO IN SIRIA, TURCHIA, PAKISTAN, IRAQ, LIBIA
  4. 1 FOTO FORMATO TESSERA
  5. MODULO PRIVACY
  6. PRENOTAZIONE ALBERGHIERA (Prenotazione A/R con volo diretto dall’Italia verso la Cina anche con scalo in un paese UE o con destinazione per Hong Kong. La prenotazione è accettata su carta intestata dell’agenzia viaggi, via internet o fornendo copia del biglietto elettronico e deve coincidere con i giorni di permanenza indicati sul modulo consolare e lettera di invito).
  7. OPERATIVO VOLI
  8. MODULO CONSOLARE 

CONSOLATO DI MILANO  al seguente link: CLICCA QUI

CONSOLATO DI ROMA  al seguente link: CLICCA QUI


 

DOCUMENTI AGGIUNTIVI PER RICHIEDENTI MINORENNI:

Se il minore si reca in Cina insieme a entrambi i genitori, si prega di fornire i seguenti documenti:

L’estratto di nascita (che riporti il nome dei genitori):
– Se tale documento è stato rilasciato dal governo cinese, è necessario fornire l’originale e la fotocopia. Non occorre la traduzione e la legalizzazione.
 Se il minore è nato in Italia, è necessario fornire l’originale e fotocopia dell’estratto di nascita rilasciato dal governo italiano e legalizzato presso la Prefettura o la Procura della Repubblica.
– Se il minore è nato in un terzo Paese, è necessario fornire l’originale e fotocopia dell’estratto di nascita in lingua originale insieme alla sua traduzione ufficiale in lingua inglese, italiana o cinese. Tale documento deve essere autenticata dal governo italiano o dall’Ambasciata o Consolato di tale Paese in Italia oppure autenticata dall’Ambasciata o Consolato cinese in questo Paese. Se il minore si reca in Cina insieme a solo uno dei due genitori, si prega di fornire i seguenti documenti:

L’estratto di nascita (che riporti il nome dei genitori). Si prega di leggere nel primo paragrafo sopra “estratto di nascita”.

Fotocopia del documento di riconoscimento del genitore che non parte per la Cina.

Il genitore che non parte per la Cina, munito dell’originale di un valido documento di riconoscimento con foto e firma, deve recarsi personalmente al Centro Visti per la Cina per sottoscrivere la dichiarazione del consenso per la richiesta del visto e di delega all’altro genitore all’accompagnamento del minore in Cina nello stesso momento in cui l’altro genitore si recherà al centro visti per il deposito delle impronte digitali o se le ha già depositate, lo stesso giorno in cui sarà presentato il passaporto. Se il genitore che non parte per la Cina non può recarsi personalmente al Centro Visti, deve sottoscrivere una dichiarazione di consenso alla richiesta di visto per la Cina del minore e di delega all’altro genitore ad accompagnare il minore in Cina. Tale dichiarazione di consenso e delega deve essere autenticata dal governo italiano, alla Prefettura o Procura della Repubblica (per cittadini italiani), dall’Ambasciata cinese in Italia (per i cittadini di nazionalità cinese), oppure dall’Ambasciata o Consolato del proprio Paese in Italia oppure dall’Ambasciata o Consolato cinese nel proprio Paese (per cittadini degli altri Paesi). La dichiarazione deve essere presentata in originale e fotocopia e deve essere redatta in lingua italiana, inglese o cinese.
Nota bene: nella dichiarazione di consenso per la richiesta di visto e di delega, occorre specificare il consenso per la richiesta del visto cinese, la validità e il numero di ingressi, e la delega all’altro genitore ad accompagnare il minore in Cina all’interno della validità del visto.Se il minore si reca in Cina senza nessuno dei due genitori, si prega di fornire seguenti documenti:

L’estratto di nascita (che riporti il nome dei genitori). Si prega di leggere nel primo paragrafo sopra “estratto di nascita”.

Fotocopia del documento di riconoscimento di entrambi i genitori e del tutore delegato.

I genitori che non partono per la Cina, muniti dell’originale di un valido documento di riconoscimento con foto e firma, devono recarsi personalmente al Centro Visti per la Cina per sottoscrivere la dichiarazione di consenso per la richiesta del visto e di delega ad una terza persona ad accompagnare il minore in Cina, assumendo il ruolo di tutore durante il periodo di soggiorno in Cina.

Se i genitori non possono recarsi personalmente al Centro Visti, devono sottoscrivere una dichiarazione di consenso alla richiesta di visto per la Cina del minore e di delega ad una terza persona ad accompagnare il minore in Cina. Tale dichiarazione di consenso e delega deve essere autenticata dal governo italiano, alla Prefettura o Procura della Repubblica (per cittadini italiani), dall’Ambasciata cinese in Italia (per i cittadini di nazionalità cinese), oppure dall’Ambasciata o Consolato del proprio Paese in Italia oppure dall’Ambasciata o Consolato cinese nel proprio Paese (per cittadini degli altri Paesi). La dichiarazione deve essere presentata in originale e fotocopia e deve essere redatta in lingua italiana, inglese o cinese.
Nota bene: nella dichiarazione di consenso per la richiesta del visto e di delega, occorre specificare il consenso per la richiesta del visto cinese, la validità e il numero di ingressi, e la delega ad una terza persona ad accompagnare il minore in Cina all’interno della validità del visto in qualità di tutore temporaneo.